Posted on Lascia un commento

Cuori & Cuoricini in feltro, come iniziare

cuori & cuoricini

Un pò di feltro e un pò di fantasia sono gli unici ingredienti per iniziare a cucire delle piccole emozioni.

Per le più esperte non è difficile trovare i giusti ingredienti ma per chi è alle prime armi e magari da tempo non usa la matita ecco un bel cartamodello che ho trovato sul web da cui ricavare le varie dimensione del cuore da usare per i primi lavoretti.

cartamodello cuore
                                            cartamodello cuore

Bello vero?

Usalo questo cuoricino sarà il tuo compagno per il lungo viaggio nel mondo del cucito creativo per tantissimo tempo.

Il cartamodello come puoi intuire è solo il primo passo per lo sviluppo della tua creatività e manualità gli altri ingredienti sono la curiosità e la tenacia.

Con i cuori puoi fare tante cose come appenderli nella stanza dei bimbi, usarli per decorare i pacchetti regalp, fare dei portachiave, o regararli alla persone che ami.

Se il cuore ti sembra una forma un pochino difficile per iniziare puoi usare la forma a cerchio per iniziare e trasformarla come ti consiglia la tua fantasia ad esempio ieri sera ho creato questi bottoni.

bottoni in feltro
                                 bottoni in feltro

Con alcuni ritagli di un fiocco nascita che ho fatto  qualche giorno fa li ho tagliati a tondini e ricamato con il punto erba per decorarli un pò e poi ho assemblato tutto con il punto festone.

Se non sai fare il punti ricamo che ho appena nominato non temere su youtube ci sono tantissimi tutorial che ti possono aiutare.

Per te ho trovato questo tutorial che piega passo passo come realizzare un cuoricino con il punto festone è di ManoLibera Atelier di Barbara

Fai atettenzione a come iniziare il punto e la sua chiusura che sono suggerimenti  molto importanti per lo sviluppo di qualsiasi lavoro di cucito.

 

 

 

Ora sei pronta per iniziare il tuo primo progetto di cucito creativo non mi resta che augurarti buon divertimento!

 

 

 

 

 

Posted on Lascia un commento

Ecco un lavoretto veloce con il feltro per la festa della mamma

cannolo fiorito

Fra poco è la festa della mamma e  girovagando su Youtube  ho trovato questi tutorials veramente carini e semplici per le amiche che sono agli inizi ma anche per le amiche più esperte.

I tutorial sono di Luisa Antonioli, nel suo canale propone lavoretti con il feltro senza l’uso dell’ago e del filo ma si avvale della colla a caldo per assemblare le sue creazioni è un canale con tanti spunti e idee da seguire.

Nel primo tutorial che vi presento  Luisa spiega come fare le rose bicolore, da vedere assolutamente perchè come si sa le rose come altri fiori vengono utilizzate spesso in tutte le stagioni, per tutte le feste e ricorrenze e anche a natale per decorare i pacchettini regalo e l’albero di natale.

 

Ci scommetto che dopo aver visto questo video avete iniziato a cercare pezzetti di feltro per mettervi subito all’opera ma aspettate  🙂 ora arriva il tutorial che spiega come utilizzarle per creare un bel pensierino da regalare alla mamma domenica 13 maggio,  da utilizzare per decorare il pacchettino per lei o perchè no come segna posto per il pranzo in famiglia, lascio a voi il modo di utilizzare questa simpatica creazione.

Adesso si, siete pronte per iniziare a cercare tutto l’occorrente per iniziate a fare questo semplice ma di effetto cannolo in feltro da utilizzare in tutte le occasione che ci serve per fare un pensiero a chi amiamo.

Mettiamoci al lavoro cosa ci serve?

Per le più esperte o per le amiche che non vogliono tradire l’ago e il filo per il cannolo si possono utilizzatre le stoffine americane o altre cotonine, tagliando due cerchi di tessuto diverso, uno a tinta unita e l’altro a fantasia e cucirli insieme con all’interno la flisellina termo adesiva per dare  sostegno al tessuto, rifinire i bordi e il taglio con il punto a zig zag fitto, in questo modo create un cannolo personalizzato.

Anche per le rose puoi seguire questa tecnica per rendere il tuo lavoro unico.

Facile vero?

Buon lavoro  🙂

Un abbraccio

 

Per acquistare i prodotti  sopra elencati vi lascio i link qua sotto.

Feltro

Forbici

 

Pistola colla a caldo

 

Charm a forma di cuore

 

 

 

Posted on Lascia un commento

Trasferire un’immagine su tessuto in modo semplice

Quante volte ti sei chiesta come trasferire una bella foto o un disegno che hai fatto tu sul tessuto per poi utilizzarlo per creare borse o dare vita ad una maglietta un pò anonima.

Ecco un suggerimento facile per te.

Ombretta di “Arte per te” anni fa quando la versatile, famosa ma sopprattutto indispendabile colla Mod Podge non era ancora disponibile in italia, ha pubblicato questo tutorial dove ci dona la ricetta da lei sperimentata di  simil Mod Podge.

Curiosa? Guarda il video sono certa che lo troverai interessante  😉

 

Hai visto nel video come è facile preparare questo materiale per trasferire i tuoi disegni su supporti come il legno o le tele per creare quadri originali?

Ricetta 

  • 25 gr. flatting all’acqua matt
  • 10 gr. vinavil,
  • contenitore
  • pennello

Quando si dice impara l’arte e mettila da parte ed è vero!

Da pochi giorni la mia amica ha partorito il suo primo bimbo e mi ha chiesto se le potevo dare qualche mio disegno per arredare e rallegrare  la stanza del nuovo arrivato. Così sbirciando tra i miei disegni mi è venuto in mente di poterli utilizzare per fare qualcosa di cucito ma come trasferire l’immagine su tessuto?

Quale materiale poteva essermi utile?

Certo la Mod Podge ma di farmi 20 km per andare al negozio di bricolage proprio non ne avevo voglia e allora mi è tornato alla mente il tutorial di Ombretta che insegna come usare la Simil Mod Podge.

 

Certo lei ci suggerisce alcuni materiali ma sul tessuto come funziona?

Ok sperimentiamo!

Con Gimp  ( programma open source di manipolazione immagini, simile a photoshop) ho reso speculare l’immagine da me scelta e  intensificato i colori poi ho stampato con la stampante laser e questo particolare sembra da altri tutorial che ho visto che sia molto importante per questo tipo di lavoro.

 

ranocchio specchio colori intensi
ranocchio specchio colori intensi

Sulla stampa ho messo il prodotto distribuendo bene su tutto il foglio e poi l’ho appoggiato sul tessuto di cotone.

Ho atteso 24 ore e poi ho iniziato a pulire bagnando delicatamente il foglio e sfregando con le dita aiutandomi con una spugetta.

risutlato esperimento di trasferimento immagine
risutlato esperimento di trasferimento immagine

Che te ne pare? 

L’esperimento sembra riuscito abbastanza bene ora termino di pulire il tessuto dalla carte e aspetterò che asciughi.

Mi sembra che il tessuto rimanga un pochino rigido quindi lo userò per fare una borsa, una sacca o chissà una tovaglietta americana.

Ora anche senza Mod Podge originale posso dare vita ai disegni che altrimenti resterebbero in un cassetto  😛

E tu cara amica cosa aspetti a provare?

Le immagini le puoi trovare su Google, Pinterest o anche in siti come https://www.pexels.com dove si possono scaricare immagini gratuite, a te la scelta.

Ciao

un abbraccio Cucicuci

 

 

 

 

Posted on Lascia un commento

Dipingere su tessuto – seta e cotone

Su Facebook sono iscritta ad un gruppo molto carino di appassionate di cucito dove qualche giorno fa ho pubblicato la foto dell’inizio del progetto di disegno su tessuto.

Alcune amiche mi hanno rivolto domande sul come si fa, come si diluiscono i colori, il tempo di posa e altro ancora. Tutte queste domande mi hanno dato la spinta per scrivere questa piccola guida con l’ausilio di video interessanti presi da Youtube.

Progetto disegno su tessuto
       Progetto disegno su tessuto

Innanzitutto quali sono i tessuti più idonei per essere dipinti a mano?

Posso affermare che con i colori per tessuto di nuova generazione tutti i tessuti si possono dipingere anche se la mia preferenza va in primis per la seta con la sua affascinante e millenaria storia ( i cinesi la conoscevano già 4000 a.C.) e tutti i tessuti che derivano da questo filato come taffetà, georgette, chiffonorganza ecc

La seta infatti si può presentare sotto le forme più diverse: dalla seta grezza, che appare molto simile alla yuta  ma molto più morbida, alla seta lucida e vellutata fino alla seta leggerissima e trasparente. Può presentarsi al naturale, cioè color écru, che  bianca o colorata. 

La seta ideale da utilizzare è sicuramente la seta bianca, di media pesantezza e con una superficie non particolarmente “pettinata”, cioè liscia, perché è quella su cui il colore ha la resa migliore.

Le sete con base colorata possono essere decorate con colori scuri o coprenti impegnadosi un pochino di pù sulle sfumature.

    

Quali colori usare?

Ovviamente per la seta ci sono i colori specifici,mentre per il cotone si possono usare anche gli acrilici ma miscelati con il medium per tessuto come ci suggerisce Lara Vella in questo video 

I colori per seta, a differenza degli altri colori per stoffa, sono molto liquidi ma non trasparenti; anzi il colore risulta molto intenso e brillante anche con una sola stesura.

I colori sono miscelabili tra di loro ed è facilissimo creare straordinarie sfumature di tono. Sono diluibili in acqua o in alcool, occorre fare molta attenzione a non schiarire troppo le tinte che, perdendo consistenza e intensità, possono creare chiazze troppo sbiadite. 

Questi colori si fissano molto facilmente, stirando il tessuto  senza vapore sul rovescio con un risultato di tipo professionale. Vi sono poi altre tinte che per essere fissate al tessuto necessitano di un fissaggio a vapore da effettuarsi in centri specializzati o in casa con una pentola a pressione. Questo tipo di fissaggio le rende ancora più resistenti ai lavaggi e alla luce. 

La gutta è un altro elemento molto importante nella pittura su seta poiché interviene per delimitare le zone da colorare, è una resina che si trova in commercio sia trasparente che colorata e si applica direttamente sul tessuto dal tubetto. La gutta colorata a tempi di asciugatura lunga circa 36 ore.

In questo video Gabry Art ci mostra come utilizzare la gutta su seta

 

Cosa occorre per iniziare a dipingere su tessuto

 

Pennelli

 

I pennelli ideali per questo tipo di lavoro sono quelli obliqui

con setole sintetiche che meglio trattengono

e distribuiscono il colore creando piacevoli sfumature

 

Colori per seta

Le aziende che producono questi colori sono tante ma se sei alle prime armi ti consiglio dei colori ad un prezzo accessibile e di buona resa  per poter sperimentare questo mondo. Quando ti sentirai sicura allora potrai scegliere tra le marche professionali in commercio nei negozi di belle arti.

Ricordati di lavare sempre il tessuto prima di usarlo con i tuoi colori.

colori per tessuto
 colori per tessuto
Colori per seta
Colori per seta

 

 

 

 

 

Il telaio

Il telaio è fondamentale perchè tiene il tessuto in tensione e mentre dipingi non rischi di toccare la superfice su cui ti appoggi e quindi non sporchi nulla. Per i lavori con piccoli tagli di tessuto va benissimo il telaio da ricamo, per i lavori più grandi si può acquistare una cornice di legno e fissare il tessuto con le puntine da disegno. Infine ci sono i teleai più professionali che si acuistano nei negozi specializzati..

telaio da ricamo
  telaio da ricamo

 

set telaio da ricamo
set telaio da ricamo

 

 

 

 

 

 

 

La tecnica
Dopo aver riportato  o disegnato direttamente a mano libera  un motivo sulla seta occorre ripassarlo con la gutta in tutti i suoi particolari. Si creano così degli spazi delimitati dove verrà steso il colore.
La resina asciuga piuttosto lentamente: occorrono 24 ore prima che sia pronta a fare da barriera al colore. Quando la gutta è asciutta si intinge il pennello direttamente nel barattolino di colore, quindi si appoggia la punta del pennello nello spazio che si intende colorare.
Il colore si spande automaticamente: non occorre, pertanto, accompagnarlo pennellando. Si ferma quando incontra il limite rappresentato dalla resina. 
Mescolando il colore si ottengono magnifiche sfumature e, con pochissime prove, si può raggiungere facilmente una buona capacità esecutiva.
La tecnica del sale serve a creare effetti di chiaro scuro e si ottiene mettendo direttamente il sale sulla seta dopo avere steso il colore.
E’ una tecnica molto interessante, ci vuole tanta maestria e accortezza, strumenti e prodotti particolari ecco perché il valore dei tessuti in seta dipinti a mano raggiunge un valore in cifre molto elevato. Questa tecnica è usata anche nel mondo della moda foulards o sciarpe e stole in seta, cravatte e l’arredamento: cuscini, paralumi, tappeti orientali di grande pregio.
Ciao a presto, un abbraccio